Il locale

L’intera progettazione e realizzazione del locale è opera di Andrea Bartolini, “architetto di famiglia”. Ogni minimo aspetto, dagli arredi, ai tavoli, alle luci, sono stati ideati per trasmettere l’idea dell’artigianalità, dell’ambiente naturale, dove però nulla è lasciato al caso. Del passato è rimasto Gregorio Grippo, nostro chef dal 1986, al comando della squadra di cucina con costante voglia di rinnovarsi e la curiosità di un ragazzino.

Il progetto del Ristorante La Buca può essere tradotto semplicemente con la frase “Il Mare nella sua Essenzialità“:  luci soffuse, ferro, lamiera grezza, suoni ovattati. Elementi che insieme ricreano la sensazione che ogni pescatore viveva nell’entrare nella cambusa di un peschereccio. E così anche oggi, entrando, ci si lascia alle spalle la banchina, il richiamo dei gabbiani, il mondo esterno, la quotidianità, per entrare in un luogo sospeso, distaccato.

La luce che non è riflessa, ma anzi assorbita, crea un effetto di  quasi opalescenza.

Qui nulla è protagonista, se non il piacere di gustare Il Mare.